Scuola di Specializzazione in Neuropsicologia

 

La Scuola

La Scuola di Specializzazione in Neuropsicologia della Sapienza è stata la prima Scuola di Neuropsicologia istituita in Italia, fondata nel 1999 dal prof. emerito Luigi Pizzamiglio. La Scuola forma specialisti preparati a svolgere interventi di carattere clinico nelle istituzioni sani­tarie o di altro tipo, con competenze proprie della professiona­lità neuropsicologica, nei suoi aspetti preventivi, diagnostici, terapeutici e riabilitativi. La Scuola rilascia il titolo di specialista in Neuropsicologia e abilita all'esercizio della psicoterapia.

La Neuropsicología è la scienza che studia nell'uomo le alterazioni delle funzioni cognitive causate da lesioni o disfunzioni focali o diffuse del sistema nervoso centrale, acquisite, congenite, geneticamente determinate. Il neuropsicologo definisce la presenza e la gravità dei deficit cognitivi (ad es. afasia, amnesia, demenza) dei pazienti affetti da lesioni o disfunzioni cerebrali, con finalità diagnostiche, prognostiche e riabilitative. In questa prospettiva è fondamentale l'approfondimento delle conoscenze anatomo-fisiologiche del sistema nervoso centrale, dei modelli cognitivi di elaborazione delle informazioni, dei deficit neuropsicologici conseguenti diversi tipi di malattie neurologiche, metaboliche, internistiche e genetiche, degli strumenti comportamentali (osservazione clinica, test psicometrici) per la valutazione della presenza e della gravita' nonche' delle metodiche di riabilitazione dei deficit neuropsicologici.

Lo specialista in Neuropsicologia deve maturare conoscenze teoriche, scientifiche e professionali nel campo dei disordini cognitivi ed emotivo-motivazionali associati a lesioni o disfunzioni del sistema nervoso nelle varie epoche di vita (sviluppo, età adulta ed anziana), con particolare riguardo alla diagnostica comportamentale mediante test psicometrici, alla abilitazione e riabilitazione neuropsicologica, cognitiva e comportamentale, al monitoraggio dell’evoluzione temporale di tali deficit, e ad aspetti subspecialistici interdisciplinari quali la psicologia forense. In particolare, deve disporre di conoscenze ed esperienze atte a svolgere e coordinare le attività necessarie per identificare i deficit cognitivi ed emotivo-motivazionali determinati da lesioni o disfunzioni cerebrali (deficit del linguaggio, afasia e disordini della lettura e della scrittura; deficit della percezione visiva e spaziale, agnosia e negligenza spaziale unilaterale; deficit della memoria, amnesia; deficit dell’attenzione e della programmazione e realizzazione del comportamento motorio e dell’azione complessa; deficit della consa- pevolezza, delle funzioni esecutive, della regolazione delle emozioni e del comportamento; deficit della cognizione sociale), valutare i predetti deficit utilizzando i metodi qualitativi e quantitativi propri della neuropsicologia; analizzare risultati quantitativi degli accertamenti mediante tecniche statistiche descrittive ed inferenziali anche utilizzando le tecnologie informatiche; organizzare i programmi di riabilitazione e abilitazione dei deficit cognitivi ed emotivo-motivazionali e gli interventi atti a favorire il compenso funzionale, mediante l’utilizzazione delle abilità residue; promuovere, realizzare e valutare gli interventi neuropsicologici, psicoterapeutici e di comunità atti a favorire il recupero del benessere psico-fisico e psico-sociale. Lo specialista acquisirà competenze e metodo per il lavoro transdisciplinare ed interprofessionale (lavoro di équipe) centrato sul paziente e orientato alla soluzione dei problemi e all’inserimento o re-inserimento familiare e socio-lavorativo dei soggetti affetti da disturbi neuropsicologici al fine di favorirne la partecipazione attiva e l’autonomia funzionale.

 

L'offerta formativa

Attualmente la scuola ha durata quinquennale ai sensi del DM 246/2006, ma il decreto 50/2019 del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca ne ha recentemente riformato l'ordinamento, portandolo a quattro anni. A partire dal prossimo anno accademico, quindi, lo specialista in formazione dovrà acquisire 240 CFU complessivi, articolati in quattro anni di corso, di cui 60 CFU di formazione specifica in psicoterapia. Quanto segue si riferisce al nuovo ordinamento quadriennale. Per maggiori informazioni sull'offerta formativa attuale (quinquennale), è possibile consultare il documento scaricabile dal link nella colonna di destra.

Il lavoro dello specializzando si articola in lezioni frontali e seminari, studio individuale, attività professionalizzanti supervisionate, oltre al lavoro richiesto per la tesi finale di specializzazione. Le attività professionalizzanti supervisionate costituiscono il 70% dell'impegno orario complessivo (orientativamente 1000 ore annue) e si svolgono interamente all'interno di servizi ospedalieri o ambulatoriali di Sapienza Università di Roma e di strutture sanitarie esterne convenzionate con Sapienza, tra cui la Fondazione Santa Lucia di Roma. Sono attive ulteriori convenzioni, e altre vengono attivate ogni anno, con prestigiose strutture sanitarie pubbliche e private su tutto il territorio nazionale. Lo specializzando è costantemente supervisionato dai neuropsicologi operanti nella struttura in cui svolge le attività e periodicamente, in gruppo e individualmente, dai docenti della scuola. Nell'ambito di queste attività lo specializzando completa la sua formazione in ambito neuropsicologico e psicoterapico. In particolare ci impegniamo affinché abbia la possibilità di effettuare:

  • almeno 100 valutazioni diagnostiche neuropsicologiche (equivalenti ad almeno 500 ore), di cui: 15 in individui affetti da disordini del linguaggio e della programmazione del movimento; 15 in individui affetti da disordini visuo-spaziali; 15 in individui affetti da disordini della memoria e della programmazione del comportamento; 15 in pazienti affetti da gravi cerebrolesioni acquisite; circa 15 in pazienti affetti da disordini neurodegenerativi; 25 in individui affetti da disordini cognitivi ed emotivo-comportamentali in età di sviluppo;
  • valutazioni psicodiagnostiche pianificazione terapeutica in almeno 20 pazienti (equivalenti ad almeno 120 ore);
  • presa in carico per la riabilitazione neuropsicologica di almeno 30 soggetti (equivalenti ad almeno 500 ore) con disordini neuropsicologici acquisiti o dello sviluppo, discutendo il percorso diagnostico-terapeutico con il personale della struttura clinica, con progressiva assunzione di autonomia decisionale;
  • diagnosi funzionale, trattamento riabilitativo e valutazione dell’efficacia del trattamento di almeno 15 pazienti affetti da disordini neuropsicologici acquisiti o dello sviluppo, di cui almeno 3 con disturbi del linguaggio e della programmazione del movimento, 3 con disturbi di elaborazione visuo-spaziale, 3 con deficit della memoria, dell’attenzione e delle funzioni esecutive, o con deficit della cognizione sociale, e/o emotivo-comportamentali;
  • presa in carico di almeno 3 soggetti in psicoterapia con supervisione (equivalenti ad almeno 300 ore);
  • discussione con personale esperto degli esami di almeno 30 casi con i principali disordini neuropsicologici (equivalenti ad almeno 80 ore).
Lo specializzando apprenderà inoltre le basi scientifiche proprie della tipologia di Scuola al fine di raggiungere una piena maturità e competenza professionale che ricomprenda una adeguata capacità di interpretazione delle innovazioni scientifiche ed un sapere critico che gli consenta di gestire in modo consapevole sia l’assistenza che il proprio aggiornamento; in questo ambito parteciperà a meeting e congressi e collaborerà a progetti di ricerca clinica controllata e alla produzione di pubblicazioni scientifiche.

 

Gli obiettivi formativi

Obiettivi formativi generali: conoscenza dei fondamenti della neuroanatomia e neurofisiologia, con particolare riferimento alla base neurale dei processi cognitivi ed emotivo-motivazionali e al loro sviluppo; conoscenza delle basi genetiche e neurofisiopatologiche dei deficit neuropsicologici cognitivi ed emotivo-motivazionali; conoscenza di elementi di neuropsicofarmacologia; conoscenza delle tecniche di elettrofisiologia e di bioimmagine nelle loro applicazioni in neuropsicologia; conoscenza dei metodi psicometrici e dell’utilizzo dei sistemi computerizzati nella diagnosi e riabilitazione neuropsicologica; dell’epidemiologia dei disturbi neuropsicologici; conoscenza dell’organizzazione e della legislazione dei servizi sociosanitari; conoscenza della storia della neuropsicologia, nei suoi aspetti psicologici, neurologici e neurofisiologici.

Obiettivi formativi specifici: conoscenza dei meccanismi patologici cognitivi ed emotivo-motivazionali e delle loro basi neurofisiopatologiche che determinano, nelle diverse epoche della vita, disordini del linguaggio, delle abilità visuo-spaziali, dell’attenzione, della programmazione del movimento, della memoria, della pianificazione del comportamento nei suoi aspetti cognitivi ed emotivo-motivazionali; conoscenza degli aspetti neuropsicolologici delle sindromi psichiatriche e delle patologie non primariamente neurologiche; conoscenza dei fenomeni di neuroplasticità in relazione al recupero funzionale dei deficit cognitivi ed emotivo-motivazionali; acquisizione di competenze e metodo di lavoro transdisciplinare ed interprofessionale (lavoro di équipe) centrato sul paziente e orientato alla soluzione delle problematiche neuropsicologiche ed al recupero funzionale, tramite ripristino, compenso o sviluppo delle competenze cognitive, comportamentali ed affettivo-emozionali deficitarie, al fine di favorire il reinserimento della persona con disabilità nel suo ambiente e promuoverne l’autonomia funzionale e la capacità partecipativa.

Obiettivi formativi comuni a tutte le scuole di specializzazione di area psicologica: conoscenze teoriche generali ed esperienze di base delle principali tecniche di valutazione e consulenza e per la prevenzione, la riabilitazione e abilitazione e il trattamento delle problematiche psicologiche e comportamentali nell’intero ciclo di vita; conoscenze teoriche generali ed esperienze cliniche nelle metodiche psicometriche e osservazionali di valutazione delle problematiche e di diagnosi delle patologie neuropsicologiche, psicologiche e comportamentali dell’intero ciclo di vita; conoscenze teoriche generali dei fondamentali meccanismi eziopatogenetici delle malattie del sistema nervoso centrale, periferico e vegetativo, dei disturbi di personalità e delle forme di disagio psichico specifiche delle diverse fasi del ciclo di vita; conoscenze teoriche generali ed esperienze di base relative a malattie di interesse neurologico, psichiatrico, neuro e psicomotorio, anche con riferimento alle complicanze comportamentali e psicologiche di malattie internistiche e metaboliche e delle patologie d’organo nell’intero ciclo di vita, con particolare riferimento al loro impatto psicologico sulla famiglia e sui contesti sociali; conoscenze teoriche generali ed esperienze di base relative ai fattori culturali, sociali e ai contesti normativi e organizzativi rilevanti per l’agire professionalmente sulle problematiche pertinenti alla specifica specializzazione in ambiti sociali e sanitari.

 

La prova di accesso

Per accedere alla Scuola di specializzazione in Neuropsicologia occorre risultare vincitori di un concorso annualmente bandito da Sapienza Università di Roma. Il bando viene di norma pubblicato entro la prima settimana di ottobre e le prove di accesso si svolgono entro il mese di novembre. Possono presentare domanda di partecipazione gli psicologi iscritti all'Ordine, o i laureati in Psicologia (classe LM-51 o classe 58/S) in grado di conseguire l’abilitazione all'esercizio della professione di psicologo entro e non oltre la prima sessione degli Esami di Stato dell’anno solare successivo a quello del concorso, con obbligo successivo di iscriversi immediatamente all'Ordine. Per maggiori informazioni, è possibile consultare il documento sulla prova di accesso scaricabile dal link in alto nella colonna di destra. I bandi e le graduatorie vengono pubblicati nell'apposita pagina (vedi link nella sezione Servizi in basso a destra).

© Università degli Studi di Roma "La Sapienza" - Piazzale Aldo Moro 5, 00185 Roma