borse di studio

 

Le borse di studio hanno l'obiettivo di contribuire ai costi di mantenimento che debbono essere sostenuti per studiare e sono di differente importo in relazione alla condizione di ciascun studente. Le borse possono essere: universitarie (sono a carico del bilancio delle singole università e sostengono gli studenti capaci e meritevoli, privi di mezzi; sono erogate, in via prioritaria, agli studenti idonei non beneficiari delle borse di studio concesse dalle Regioni e dalle Province autonome) o regionali (erogate dalle Regioni e dalle Province autonome nei limiti delle risorse finanziarie disponibili nei propri bilanci integrate da un fondo erogato annualmente dallo Stato)
Rientrano tra i servizi e gli interventi non destinati alla generalità degli studenti, unitamente al servizio mensa, ai servizi abitativi, ai prestiti d’onore, ai contributi per la partecipazione a programmi di studio che prevedono mobilità internazionale.

Come ottenerle

Le borse sono attribuite per concorso - bandito annualmente dall’Ente regionale per il diritto allo studio - agli studenti iscritti ai corsi universitari (vedi art. 3, DPCM 9 aprile 2001) e agli iscritti alle istituzioni per l'alta formazione artistica musicale e coreutica (vedi art. 15, DPCM 9 aprile 2001) idonei nelle graduatorie in relazione al possesso dei requisiti relativi alla condizione economica e al merito (art.5 DPCM 9 aprile 2001). Per gli immatricolati per la prima volta al primo anno dei corsi i benefici sono attribuiti se in possesso dei requisiti relativi alla sola condizione economica. I requisiti di merito sono valutati successivamente (art.6 del DPCM 9 aprile 2001).

Autocertificazione

Gli studenti richiedenti le borse di studio e i relativi servizi autocertificano la dichiarazione relativa alla propria condizione economica e di merito (le università e gli organismi regionali verificano l’attendibilità di quanto dichiarato effettuando controlli a campione che interessano annualmente il 20% degli idonei). Le Università e gli enti regionali per il diritto allo studio procedono al controllo della veridicità dei dati relativi alla situazione familiare dichiarata dai beneficiari con i dati in possesso del sistema informativo del Ministero delle Finanze e/o richiedendo documentazione integrativa allo studente stesso.

Tipologia delle borse di studio

Le regioni e le università definiscono la tipologia della borsa di studio in relazione al luogo di residenza dello studente, tenendo conto della distanza dalla sede del corso di studi frequentato 
Borse di studio per studente in sede: sono concesse allo studente residente nel comune o nell’area circostante la sede del corso di studio frequentato; 
Borse di studio per studente pendolare: sono concesse allo studente residente in luogo che consente il trasferimento quotidiano presso la sede del corso di studi frequentato; 
Borse di studio per studente fuori sede: sono concesse allo studente residente in un luogo distante dalla sede del corso frequentato e che per tale motivo prende alloggio nei pressi di tale sede, utilizzando le strutture residenziali pubbliche o altri alloggi di privati o enti.